• 11FEB
    Dolori muscolari e acido lattico, un mito che va sfatato

    Dolori muscolari e acido lattico, un mito che va sfatato

    Spesso l’allenamento ( specialmente quello per la forza ) è accompagnato dall‘ insorgenza di un certo grado di indolenzimento o di vero e proprio dolore muscolare, che può insorgere mentre ci si allena o durante il recupero immediatamente successivo all’esercizio. Questo tipo di dolore viene sempre imputato alla formazione e presenza nel muscolo dell’ acido lattico. Ma ormai è ampiamente dimostrato che non è affatto vero e che l’acido lattico non c’entra niente; è solo un altro falso mito che va sfatato. L’acido lattico o lattato è il prodotto finale del processo di fermentazione alternativo a quello del ciclo di Krebs, e che avviene in assenza di ossigeno. L’acido lattico prodotto e in circolo, viene riutilizzato dall’organismo per produrre nuova energia disponibile e non resta nel muscolo. L’indolenzimento è definito con la sigla DOMS (delayed onest muscle soreness , letteralmente dolori a scoppio ritardato) e insorge mediamente tra le 12 e 48 ore dopo l’allenamento. Recenti ricerche attribuiscono la causa dell’insorgenza del DOMS a micro-lacerazioni del tessuto muscolare che sembra dipendere dal tipo di contrazione muscolare; è infatti maggiormente collegato alle contrazioni eccentriche o negative che di si voglia, rispetto a quelle concentriche o isometriche. Normalmente questo fenomeno si verifica in soggetti generalmente non allenati (nello specifico non allenati a quel genere di movimenti), che effettuano sforzi di resistenza alla contrazione del muscolo. La durata dei DOMS è correlata con il processo di ricostruzione muscolare (compensazione). Muscoli piccoli come i bicipiti possono compensare in pochissimi giorni, mentre gruppi muscolari più grossi come dorsali o gambe, compensano in molti giorni (in un bodybuilder in gara si può arrivare anche a 10-15 giorni ). I DOMS di norma scompaiono entro 2 o 3 giorni dall’attività fisica, ma possono perdurare anche fino a 6 o 7 giorni e oltre, raggiungendo il culmine proprio tra il secondo ed il terzo giorno successivo la seduta di allenamento. I dolori muscolari possono essere prevenuti o ridotti diminuendo il numero delle contrazioni eccentriche e/o iniziando l’allenamento della forza con esercizi di bassa intensità, che deve essere incrementata progressivamente , ma anche effettuando semplici esercizi di streatching, o dei rilassanti massaggi.

Leave a reply

Cancel reply